mercoledì 26 febbraio 2014

Recensione: La corsa delle onde di Maggie Stiefvater

La corsa delle onde
Maggie Stiefvater

Editore: Rizzoli
Pagine: 450
Prezzo: € 16,50

Succede ogni autunno, sull’isola di Thisby. Dalle gelide acque dell’oceano si spingono a riva i cavalli d’acqua, creature affascinanti e crudeli che gli abitanti catturano per montarli nella Corsa dello Scorpione. Il vincitore guadagnerà fama e denaro, i meno fortunati incontreranno la morte. Ma qualcosa cambia quando alla gara si iscrive Kate Connolly, capelli rossi e tempra di ferro. Kate è determinata a correre con la sua cavalla Dove, sfidando usanze secolari che vogliono solo concorrenti maschi e nessun cavallo ordinario. Certo, non ha molte possibilità contro Sean Kendrick, diciannove anni, il favorito, esperto domatore di cavalli. Nessuno dei due è preparato a ciò che sta per succedere, perché quest’anno la Corsa dello Scorpione non sarà solo questione di gloria e denaro, ma di amore e destino.


Entrambi i genitori di Kate "Puck" Connolly sono morti durante quella che sarebbe dovuta essere una romantica gita in barca. Sono stati inghiottiti dalle acque misteriose che bagnano l'isola di Thisby, acque nelle quali non si celano solo pesci, esseri con le branchie che noi siamo abituati a vedere o li immaginiamo soltanto, barriere coralline che per ammirarle la gente necessita solo di un boccaglio o al massimo di una bombola d'ossigeno. Il mare che circonda il paese di Kate e popolato da Capall Uisce, veri e propri Cavalli d'acqua, che cavalcano sulle creste dell'onde, manifestando la loro presenza nei periodi invernali creando devastazione e morte. Kate vive infatti con i due fratelli, Finn e Gabriel, e quando quest'ultimo deciderà di andarsene dalla cittadina lasciando i propri debiti, Kate deciderà di partecipare all'annuale Gara dello Scorpione. Una gara di cavalli d'acqua, proprio come quelli che le hanno strappato i genitori. Una Gara che potrà permettere a lei e al fratello abbastanza denaro per un pò ma che potrà anche costarle la vita. Sì, perchè lei deciderà di correre con Dove, la sua fidata, amica, cavalla. Non con uno di quei cosi che vorrebbero costantemente buttarsi in acqua da dov'è venuto e sbranarti vivo. Conoscerà Sean, il vincitore delle ultime quattro Gare dello Scorpione. Sì, perchè Sean se ne intende e non è uno di quelli sbruffoni che si vantano di aver fatto chissa chè e alla fin fine nemmeno sanno di cosa stanno parlando. Sean lavora per l'uomo più ricco di tutta l'isola ed è l'unico che si avvicina ai Capall Uisce, perchè è l'unico che li sa gestire. Parteciperà alla Gara dello Scorpione non solo per essere libero e andarsene da quell'uomo, ma per acquistarsi Corr, il cavallo d'acqua a cui è più legato. 

Il mio primo approccio con quest'autrice l'ho avuto lo scorso mese con Raven Boys e anche se mi è piaciuto ho trovato molte situazioni non chiare, ho avuto molti dubbi in seguito e mi era rimasto un pò d'amaro in bocca. Sicuramente ho trovato in La corsa delle onde uno stile più deciso e accattivante. I personaggi che la Stiefvater descrive sono molto realistici e li ho apprezzati molto. Anche se il mondo dei cavalli non è il mio forte sono riuscita a seguire il corso della storia in maniera fluida, senza troppe distrazioni. Ammetto che sì, ogni tanto ho trovato qualche periodo di stallo, un pò lento con le descrizioni delle varie attrezzature per fantini o altro... Insomma su questo è incentrato il romanzo quindi è anche quello che si trova. La storia tra i protagonisti mi è piaciuta davvero tanto perchè anche se non parlava apertamente di loro come coppia, non so, io me lo sentivo dentro che c'era qualcosa che non poteva non nascere. Come se tra le pagine mi avessero fatto intendere che erano fatti l'uno per l'altra, come se non riuscissi a vederli separati. E ci speravo, ci speravo perchè quando li leggevo, che parlavano della corsa, che si scambiavano le loro tattiche... Insomma era uno strazio leggere di questa forte amicizia, io li volevo insieme.
La Stiefvater inoltre è riuscita a spazientirmi con svariati colpi di scena che per me erano inaspettati, a un certo punto non sapevo cosa fare. Da una parte volevo leggerlo, leggerlo, andare avanti e vedere cosa sarebbe accaduto, dall'altra avevo quasi il timore di voltare pagina perchè mi pareva ci fosse ad attendermi una brutta sorpresa, le mie sensazioni erano davvero pessime. Se fossi in voi prenderei questo libro al volo e mi farei trascinare su quella spiaggia come se fossi in groppa ad un capall uisce che - come dice Finardi in una delle sue canzoni - è capace d'arrabbiarsi, ma anche di calmarsi...


L'Autrice
Maggie Stiefvater ha trentun'anni e vive in Virginia insieme al marito, ai due figli e un gatto in una grande casa sperduta nel nulla, come ama dire. Pittrice e illustratrice di talento, scrive libri a sfondo fantasy per giovani adulti. Ha pubblicato Shiver, venduto in trentadue paesi, e i seguiti Deeper Forever.










E voi, lo avete letto? Cosa ne pensate?
Spero di avervi incuriosite quanto basta....

voglio cambiare grafica, non ne posso più :)
claudina.



20 commenti:

  1. Io ce l'ho nell'infinita pila TBR qui accanto sullo scaffale :3
    Dopo aver letto e amato Raven boys la mia curiosità è cresciuta a dismisura... sapere che è piaciuto anche a te così tanto è una buona cosa *^* ne parlate tutti benissimo... so già che mi piacerà, aspetto solo il momento giusto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì a me è piaciuto molto. Anche Raven Boys non mi è dispiaciuto ma mi ha dato proprio il senso di "prequel" e ovviamente sono curiosa di leggere gli altri...

      Elimina
  2. Ora sono proprio curiosa di leggerlo! Aggiungo in listaaa!! Magari questo se lo trovo in biblioteca è meglio! Ne ho da comprare troppi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma sono nella tua solita situazione anche io :D Poi se lo leggerai e ti piacerà tanto potrai comprarlo... a volte io faccio così ^_^

      Elimina
  3. Letto qualche settimana fa, mi è piaciuto davvero tanto!!

    RispondiElimina
  4. Devo ancora leggerlo e non vedo l'ora, sembra davvero molto bello.. *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio, a me è piaciuto più questo che Raven Boys ;)

      Elimina
  5. Leggerò questo libro molto molto presto, ne sono sicura *W*

    RispondiElimina
  6. Mi fa piacere che sia piaciuto anche a te!! Ormai la Stiefvater mi ha stregata ;) a differenza tua prima di lei ho letto Shiver, ma ormai la amo *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto bellissime cose riguardo a Shiver..... prima o poi ci sarà il momento di leggerlo dai....

      Elimina
  7. Non sono un'appassionata di cavalli ma la storia è bellissima *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io eppure mi è piaciuto moltissimo Francy. Merita davvero ;)

      Elimina
  8. Ho l'ebook che mi aspetta ma continuo a rimandarlo. Ho tantissime aspettative, ma è la Stievater, mi farà impazzire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh lo spero proprio che ti faccia impazzire Giulia!!!!

      Elimina
  9. Sono contenta ti sia piaciuto! Per me la Stiefvater è una garanzia. *^*

    RispondiElimina
  10. Io non ho mai letto niente di suo.. Devo rimediare?

    RispondiElimina
  11. Ho letto e adorato Raven Boys quindi dovrei fidarmi di te e di Maggie e aggiungere anche questo nella wishlist :3

    RispondiElimina
  12. Sono contenta che ti sia piaciuto! Io ho intenzione di leggerlo presto :)

    RispondiElimina
  13. Io ho amato questo romanzo. Amato. (Se ti interessa trovi qui la mia Inter(re)view)
    Ho trovato quest’isola così piena di misteri, con un’atmosfera cupa, magica e ammaliante che mi ha subito affascinato. E questa Corsa dello Scoprione, pregna di crudeltà, speranze e sogni infranti mi è sembrata così affascinante che non ho potuto evitare di divorare questo libro.
    Non parliamo poi di Puck e del mio amore Sean, tormentato dal suo amore per Corr, che però è anche la sua maledizione.
    Tanto di cappello - ancora una volta - alla Stiefvater.
    Rainy

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio e condividete con me le vostre opinioni :3